UNI CEI 11352Gestire il consumo di energia in modo responsabile ed efficiente, così da diminuirlo, sono attività necessarie per contribuire alla sostenibilità delle attività umane, perché grazie ad esse si possono risparmiare anche le materie prime e ridurre l’emissione di gas ad effetto serra.

Da qui nasce la UNI CEI 11352.

La UNI CEI 11352 è la norma che definisce i requisiti che devono soddisfare tutte quelle società che vogliono svolgere il ruolo di ESCo

Che cosa significa ESCo

L’acronimo sta per Energy Service Company e consiste nella persona, fisica o giuridica, che fornisce o implementa i servizi energetici e la loro efficienza nei locali dell’utente. Si tratta di un ruolo che si assume un certo rischio finanziario, perché la retribuzione delle sue prestazioni dipende interamente dal miglioramento energetico o da altri criteri di rendimento prefissati conseguiti.

 

UNI CEI 11352: la certificazione esco 11352

La presente norma, dunque, delinea i requisiti dei servizi di efficacia energetica e le capacità di cui deve essere dotata l’ESCo: organizzativa, diagnostica, progettuale, gestionale, economica e finanziaria.

Per soddisfare pienamente la norma UNI CEI 11352 la società deve necessariamente avere all’interno del team un Esperto in Gestione dell’Energia.

La norma, inoltre, fornisce nello specifico una lista di controllo per verificare le capacità delle ESCO e i contenuti minimi dell’offerta contrattuale dei servizi offerti. 

UNI CEI 11352: i puntiesco certificata

La norma che regola la certificazione si struttura in vari punti.

  • requisiti generali;
  • attività facoltative;
  • lista di controllo per verificare i risultati (con appendice annessa di ‘lista di controllo per verificare i requisiti)

È presente inoltre un’altra appendice, che contiene i contenuti dell’offerta da parte di ESCo di servizi energetici.

UNI CEI 11352: ESCo certificazione

Come di solito per le certificazioni ISO, il processo di certificazione prevede le seguenti fasi:

  • l’audit di verifica del livello di conformità dell’organizzazione rispetto ai requisiti ed eventuali osservazioni per il raggiungimento della conformità;
  • audit energetico certificato;
  • verifica annuale per monitorare il mantenimento del Sistema di gestione;
  • rinnovo del certificato, allo scadere del triennio (dura infatti tre anni).